Preparazione Vin Vrulé

Ricetta vin brulé originale: ingredienti, tempo di cottura e tipo di vino

Sfogliando il quaderno di nostra nonna, abbiamo trovato tra i tanti appunti la “ricetta vin brulé”, quella originale, con gli ingredienti della tradizione. Abbiamo bellissimi ricordi delle serate trascorse con lei in compagnia di un caldo brindisi. Vogliamo condividerla con te, per nutrire anche i tuoi ricordi, aggiungendo qualche consiglio attualissimo per aiutarti a prepararlo al meglio.

Ricetta vin brulé originale 

Il vin brulé, letteralmente vino bruciato, è una bevanda calda a base di vino consumata soprattutto in inverno, tra novembre e febbraio, quando le temperature sono più rigide.

Il mulled wine (in inglese) o glühwein (in tedesco) viene preparato in tutta Europa con tante varianti: al sapore di zenzero o di cognac — tipica della Francia, dove è chiamato vin chaud — oppure con l’aggiunta di mele, arance o limoni, diffusa anche in Italia.

Preparare il vin brulé a casa è molto semplice. Avrai bisogno di pochi ma specifici ingredienti, che, insieme, daranno il giusto equilibrio al vino caldo. Ecco le dosi della nonna per 4 persone:

  • 1 litro di Irpinia Aglianico DOC, Taurasi D.O.C.G. (ha sempre giocato in casa!) o altro vino corposo;
  • 100/150 grammi di zucchero, a seconda del livello di dolcezza desiderato;
  • 2 stecche di cannella;
  • Scorza di 1 limone;
  • Scorza di 1 arancia;
  • 8 chiodi di garofano;
  • Noce moscata grattugiata q.b.;
  • 1 anice stellato.

Come preparare il vin brulé a casa

Gli strumenti necessari alla preparazione del vin brulé sono:

  • pentola capiente in acciaio. Ti sconsigliamo l’utilizzo di stoviglie antiaderenti, per evitare il rilascio di altre sostanze nel liquido; 
  • bruciatore da cucina (cannello), servirà per far evaporare l’alcool in fase di cottura.
Preparazione del Vin Brulé
Preparazione del Vin Brulé

Preparazione vin brulé:

  1. Versa nella pentola lo zucchero;
  2. Aggiungi tutte le spezie, comprese le scorze di arancia e limone. Nel prelevarle dal frutto, fai attenzione a non asportare anche la parte bianca, che renderebbe amaro il sapore del vino;
  3. Ora versa lentamente il vino nella pentola e mettila sul fuoco. Accendi al minimo e porta a ebollizione;
  4. Lascia cuocere per circa 5 minuti, poi prendi il cannello e avvicina la fiamma alla superficie del liquido: prenderà fuoco, quindi fai molta attenzione. Lascia consumare la fiamma fino al suo spegnimento;
  5. A questo punto, puoi rimuovere la pentola dai fornelli e filtrare il contenuto in un altro recipiente tramite un colino;
  6. Versa il vin brulé nelle tazze… ora è pronto per essere bevuto caldo e fumante!

Vin brulé effetti benefici e proprietà terapeutiche

Il vin brulé è anche un intramontabile rimedio della nonna alla tosse e al raffreddore: dà sollievo alle vie aeree grazie ai vapori della bevanda calda, ecco perché spesso viene chiamato anche “vino cotto per raffreddore”. 

Sono più in dubbio, invece, le proprietà antivirali e antibatteriche della bevanda. In ogni caso, meglio non abbondare, soprattutto se si è soggetti a gastrite, diabete e pressione alta.

Trucchi e consigli sul vin brulé che (forse) non conoscevi

Se ami il vin brulé e vorresti prepararlo più spesso e velocemente, ci sono utensili e spezie confezionate che puoi acquistare e tenere sempre a portata di mano in cucina.

Preparato di spezie per vin brulé

Online sono disponibili miscele di ogni marca, prezzo e grammatura. Digita su Google “vin brulé spezie pronte” o “spezie vin brulé” e avrai tantissimi risultati ad aspettarti.

Il vantaggio dei preparati è il non dover vagare nel supermercato alla ricerca di tutti gli ingredienti necessari e poter assecondare la tua voglia di vino caldo in qualsiasi momento. Basterà solo avere una bottiglia di rosso intenso e corposo nella tua cantinetta.

Bollitore per vin brulé

Bollitore per Vin Brulé
Bollitore per Vin Brulé

In commercio sono disponibili diversi modelli e marche di bollitori elettrici, idonei alla preparazione del vin brulé. Puoi usarli sia per portare il vino in ebollizione, sia per riscaldare la bevanda nei giorni successivi (ti raccomandiamo di conservarlo al massimo 2-3 giorni in frigo). 

Sono facilissimi da utilizzare e pulire e vanno collegati alla presa di corrente. Avrai così una tazza fumante di vino caldo ogni volta che desideri e la cucina sempre in ordine.

Buon vin brulé!

Se ti piace, condividilo!

I commenti sono chiusi.